Recuperare file cancellati Windows: ecco come fare con Disk Drill!

Uno dei problemi più spaventosi che possono capitare, e probabilmente in passato sono capitati, a tutti gli utenti Windows è quello di cancellare accidentalmente dei file importanti.

Nessun problema, c’è il cestino, nella maggior parte dei casi: il problema è che i file possono, a volte, anche essere cancellati dallo stesso cestino, e il loro recupero è impossibile, a meno di utilizzare programmi specifici come Disk Drill, che si può scaricare dal sito ufficiale.

Disk Drill per recuperare i file cancellati da Windows

Cerchiamo di capire qual è il funzionamento del programma e quali sono le sue possibilità.

Per capire come recuperare i file cancellati, per prima cosa bisogna procedere con l’installazione del programma. Fatto questo, possiamo aprirlo e iniziare con una scansione del computer che andrà a cercare i file non più presenti nel cestino.

E’ possibile impostare una serie di opzioni, per rendere il lavoro più veloce, per esempio il tipo di file da cercare oppure la data di creazione; in questo modo sarà più semplice individuare il file perduto, soprattutto considerando che a volte il nome del file viene modificato durante il processo di cancellazione.

Poiché i risultati saranno probabilmente molto numerosi, è possibile cercarli nelle schede che vengono create automaticamente dal programma, e che dividono i risultati in documenti, immagini, video e audio, per rendere la ricerca dei file recuperati più semplice; se abbiamo idea delle dimensioni, si possono vedere i file anche ordinati per dimensione ordinati per data di cancellazione, se ricordiamo il giorno preciso in cui li abbiamo cancellati.

A questo punto scegli i file che ti interessano e recupera i tuoi file cancellati definitivamente: estrarli è molto semplice, perché è sufficiente selezionare quelli a cui siamo interessati e scegliere la cartella di destinazione, per poi poterli aprire e verificare che il recupero sia avvenuto correttamente.

Disk Drill è gratis in versione shareware, il che significa che è possibile recuperare file delle dimensioni massime di 500 MB. Se il file che vogliamo recuperare è invece più grande, siamo costretti ad acquistare la versione Pro che non pone limiti in questo senso; l’acquisto è obbligato nel caso in cui abbiamo cancellato dei file così grandi che, per opzione automatica di Windows, non sono passati dal cestino ma sono stati direttamente eliminati dal computer.

Come per altri programmi di questo tipo, molto importante è la tempestività con cui il programma si utilizza: prima si fa la scansione, più alte sono le possibilità che i file cancellati definitivamente possano essere sovrascritti dagli altri documenti che abbiamo cancellato in seguito.

Bisogna dire che Disk Drill, grazie alla funzionalità Deep Scan, può anche recuperare alcune parti di file e ricomporle, cercando di ricostruire il file nella sua interezza; questo processo, però, per problemi intrinseci della cancellazione file di Windows è ad alto rischio di fallimento, per cui la velocità nel recupero è sempre la soluzione migliore per riuscire a recuperare i file perduti.

 

Un tutorial completo si può trovare in questa sezione del sito ufficiale.