Scary Maze: ecco il labirinto più spaventoso che c’è

La recensione che vi proponiamo oggi riguarda un gioco molto particolare, che si può giocare sul computer con l’aiuto del mouse.

Si chiama Scary Maze, o “labirinto spaventoso”, e per capire il perché dello spaventoso abbiamo deciso di dividere la recensione in due parti: la prima, da leggere solamente se non volete rovinarvi la “sorpresa”, e la seconda, da leggere solamente se volete sapere in anteprima a che cosa andate incontro.

Il gioco è disponibile gratuitamente, ed è possibile giocarlo su Poki, semplicemente cliccando sul link dedicato. Attenzione: il gioco ha l’audio tarato un po’ sul basso, quindi per sentire gli effetti sonori dovete alzare il volume.

Scary Maze: come funziona

Il funzionamento del gioco è molto, molto semplice.

All’apertura del gioco ci viene chiesto di attivare la webcam, se la abbiamo, e potremo così vedere durante il gioco le nostre reazioni di spavento. La musica e tutti gli effetti sonori sono inquietanti, fatti per generare ansia, e il gioco richiede in generale concentrazione, per cui è divertente, alla fine dei (pochi) livelli disponibili, rivedere le nostre reazioni.

Sullo schermo c’è un labirinto, e spostando il mouse senza toccare le pareti dobbiamo raggiungere l’uscita dallo stesso; se non ci riusciamo, quindi se tocchiamo le pareti, bisognerà iniziare nuovamente da capo, in un crescendo di difficoltà dei diversi livelli.

Scary Maze: la parte spaventosa

Avete letto all’inizio dell’articolo che, se non volete rovinarvi la parte divertente, non dovete leggere questo paragrafo, quindi in questo caso è altamente consigliato tornare all’inizio dell’articolo e passare subito a giocare.

Se volete capire di che cosa si tratta, avrete notato nella prima parte dell’articolo l’appunto relativo all’audio: non era casuale. L’audio del gioco si sente benissimo, ma l’effetto del gioco è molto migliore se questo è alto.

Infatti, giunti al terzo livello, che è il più difficile, arriva un punto in cui bisogna rimanere molto concentrati per poter proseguire con il gioco. Il labirinto diventa molto piccolo e i movimenti del mouse devono essere molto precisi per riuscire a raggiungere la fine del livello, tanto che è necessario avvicinare molto il viso allo schermo e, di conseguenza, alle casse del computer.

Raggiunta la fine del livello apparirà una faccia spaventosa e sentiremo uno strillo altissimo, che farà letteralmente sobbalzare sulla sedia e che spiega, tra l’altro, perché il gioco richiedeva l’accesso alla fotocamera nella parte iniziale: se lo abbiamo dato, avremo la possibilità di rivedere, e scaricare, lo spavento che abbiamo avuto, la nostra reazione.

Il gioco non è quindi un vero e proprio gioco (anche se una parte impegnativa c’è, dura solamente pochi minuti) ma è più uno scherzo da fare agli amici, in particolare se sono appassionati di videogiochi e ritengono di essere abili. L’effetto è migliore con le casse a tutto volume.

Tuttavia, naturalmente, fate attenzione perché lo scopo del gioco è quello di spaventare, e alcune persone possono essere più suscettibili di altre, o avere problemi fisici; in questo caso, non alzate eccessivamente il volume delle casse, ma tenetelo ad un livello di sicurezza perché la reazione non sia esagerata.